Cronaca

I calchi del Criptoportico

Le analisi del dna ribaltano la teoria del genere di pertinenza di due vittime.

In occasione dei recenti restauri condotti sui calchi di Pompei, dagli studi  antropologici e dalle analisi del DNA  su due corpi della  casa del Criptoportico rinvenuti durante gli scavi di inizio '900, sono emersi sorprendenti risultati in grado di ribaltare la teoria di pertinenza di genere delle due vittime dell'eruzione.

All'epoca del rinvenimento (1914) l'allora Soprintendente Vittorio Spinazzola reputò che i due corpi ritrovati distesi e vicini, l'uno con la testa nel grembo dell'altro,  appartenessero a due donne.

Ad oggi i recenti studi  antropologici hanno rivelato che i corpi, sulla base della conformazione ossea e dei caratteri morfologici, corrispondono  l'uno a un individuo adulto (più di 20 anni) e l'altro ad uno più  giovane (circa 18 anni). Le analisi del DNA hanno invece  determinato che la vittima più giovane era certamente un uomo, forse anche l'altro. In questo secondo caso, tuttavia, è possibile  avanzare solo ipotesi a causa del DNA altamente degradato.

Le analisi  sono state condotte mediante  ricostruzione della sequenza di DNA su campioni costituiti da un dente e da frammenti ossei,  previa pulizia e polverizzazione, e hanno  inteso indagare anche  le presunte relazioni di parentela per linea materna (le uniche rilevabili da indagini DNA), che non è stato possibile dimostrare.

"L'utilizzo delle indagini antropologiche e di Dna si rivela sempre più uno strumento fondamentale per la conoscenza scientifica - dichiara il Direttore Generale Massimo Osanna - perché sono in grado di dare certezza in campo archeologico a quelle che un tempo potevano essere solo delle ipotesi. Quanto emerso dai recenti studi condotti su due vittime ritrovate nella domus del Criptoportico conferma questa teoria. In questo caso possiamo affermare che non si tratta di due donne e che non vi fosse rapporto di parentela in linea materna, tuttavia non  si può concludere scientificamente quale tipo di  legame affettivo unisse le due vittime "rapite alla morte", secondo la poetica espressione di Giuseppe Fiorelli".


© Tutti i diritti riservati


 



NOTIZIE ED ARGOMENTI CORRELATI

 

 

Share Button

IDEA TV

CanaliWeb

Fotogallery

Cucina

I tortiglioni con melanzane grigliate e pomodori secchi
IMAGE Lavate le melanzane, privatele del calice verde e tagliatele a fette sottili. Mettetele...

Libri

''Medea ed altre poesie'' di Biancagiuliana Pepe
IMAGE "Medea ed altre poesie" è la mia prima raccolta: un miscuglio di sentimenti...

Viaggi

Verso Santiago - Epilogo del mio Cammino
IMAGE Il Cammino mi ha insegnato la sua più grande lezione quando è finito, quando ho...

Storia

31 ottobre 1517 - Le 95 tesi di Martin Lutero
IMAGE Il 31 ottobre del 1517 è la data in cui compaiono nella cittadina di Wittenberg le 95...

Cinema

Natale da Chef, il nuovo colpo di Making of Salerno
IMAGE E’ un colpo da novanta quello messo a segno da Making of Salerno, che da anni si occupa...

Week End

Palium Sancti Martini - Atmosfere medievali del 1109
IMAGE Dal quinto secolo ad oggi rivive il culto di San Martino, patrono di Monteforte Irpino,...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su "Più informazioni"