FOTO NOTIZIE

22 aprile Giornata della Terra - Legambiente e la salvaguardia del suolo

In Campania nel week end di mobilitazione in oltre 30 piazze per promuovere la grande raccolta firme di People4 Soil per una legislazione comunitaria sul suolo.

Legambiente lancia l'allarme. Il consumo di suolo è una delle più insidiose e irreversibili forme di degradazione del territorio. Circa 44mila ettari di suolo consumato in Provincia di Salerno. Valori elevati nella Piana del Sele. Eboli con 3.600 ettari di superficie consumata pari al 26,4% del territorio comunale e Battipaglia con 2600 ettari pari al 46,7%. Esperienza virtuosa di S. Giovanni a Piro: crescita edilizia zero.

Il consumo di suolo è una delle più insidiose e irreversibili forme di degradazione del territorio. Con un "prezzo da pagare" in milioni di euro. Eppure in Campania è ancora fortissima la tendenza a cementificare disordinatamente il suolo libero. Secondo i dati dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale elaborati da Legambiente in Campania l'urbanizzazione del territorio ha impermeabilizzato o compromesso, fino al 2015, circa 145mila ettari : il 10,7 % del territorio regionale con un incremento dello 0,6% rispetto agli ultimi dati del 2012. A livello provinciale maglia nera per la Provincia di Napoli con 39.618 ettari di suolo consumato (erano 34.794 nel 2012) pari al 33,8% del territorio provinciale; segue la Provincia di Caserta con 26.168 ettari (erano 21.235 ettari nel 2012) pari al 9,9% e la Provincia di Salerno con 43.807 ettari di suolo consumato nel 2015 (erano 31.430 ettari nel 2012) pari al 9,2 % .

In occasione della Giornata della Terra, il 22 aprile, l'associazione si mobilita in tutta la Campania organizzando banchetti per tutto il fine settimana in oltre 30 piazza per incrementare le adesioni alla petizione popolare promossa dalla rete di ong europee People4Soil. Appuntamenti Pontecagnano, Battipaglia, Eboli, Torchiara, Campagna, S. Giovanni a Piro, Paestum. L'obiettivo è quello di raccogliere quante più firme possibile, ognuna di queste può davvero fare la differenza per fermare la cementificazione. Ma per vincere una battaglia così complessa è necessario spiegare bene ai cittadini che cosa comporta il consumo di suolo, un processo sostanzialmente irreversibile, e come nel nostro paese, per esempio, il territorio sia la risorsa più scarsa e quindi più preziosa".

La petizione - che può essere firmata anche online su www.salvailsuolo.it - chiede che l'Unione europea introduca una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come un patrimonio comune. Il traguardo da raggiugere è un milione di firme in tutta Europa entro il 12 settembre prossimo; 54mila le firme necessarie per raggiungere il quorum in Italia.


© Tutti i diritti riservati


 



NOTIZIE ED ARGOMENTI CORRELATI

 

 

Share Button

IDEA TV

CanaliWeb

Meteo Campania

Fotogallery

Cucina

Spiedini di rana pescatrice, gamberi e verdura
IMAGE Pulite il finocchietto selvatico, l'aneto, il timo e mettete da parte le foglioline....

Libri

''Una muta vitalità'' di Ilaria Vassallo
IMAGE Giovedì 20 aprile alle ore 18.00 si terrà la presentazione pubblica del volume di...

Viaggi

Irlanda - Alla scoperta dell'isola magica
IMAGE Una terra magica di castelli e scogliere, di musica e buona birra, di spiagge bianche e...

Storia

10 marzo 1799 - Assedio di Modugno
IMAGE L'assedio di Modugno del 1799 rientra nel contesto della reazione sanfedista che si...

Cinema

''La guerra dei cafoni'' nella sale dal 27 aprile
IMAGE A Torrematta, territorio selvaggio e sconfinato in cui non vi è traccia di adulti, ogni...

Week End

La Casa degli insetti
IMAGE Città della Scienza di Bagnoli, il 18 e 19 Febbraio, vedrà protagonisti assoluti...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su "Più informazioni"