REPORTAGE

Interporto Campano e la nuova ''via della seta''

 “Disco verde” per l’attivazione del collegamento diretto ferroviario sull’asse Interporto Campano-Shanghai, coprendo in 20 giorni i nove mila chilometri che separano la città bruniana dalla metropoli cinese, che conta 27 milioni di abitanti.

“Dal prossimo mese di settembre sarà attivato un collegamento ferroviario diretto- via terra- e a cadenza mensile con la Cina”. Lo ha annunciato al Sole-24 Ore, il giornale di Confindustria, l’amministratore delegato dell’Interporto Campano, Sergio Iasi. Il terminale dell’asse di collegamento da Nola verso la terra del Dragone-la grande fabbrica manifatturiera dell’economia globale- è Shanghai, la metropoli super-tecnologica nell’organizzazione sociale e delle attività produttive, prima nella graduatoria mondiale per popolazione con 27 milioni di abitanti; collegamento che, in via prioritaria, è funzionale ai comparti del tessile e della moda, innestandosi nella nuova “Via della seta”, la cui “rinascita” è collegata al potenziamento per la capacità di transito delle navi porta-container del Canale di Suez, che rende vantaggiosi gli scambi Asia-Europa, concorrendo a valorizzare il ruolo del Mediterraneo. Un percorso di 9000 mila chilometri che sarà compiuto in circa 20 giorni.

E’ l’annuncio da effetto speciale, che si inserisce nel più generale quadro di rilancio dell’ Interporto campano in fase di risanamento, così come lo è il Cis, l’altro polo del sistema dei servizi e produttivo della Piana di Boscofangone.

            In senso lato, il piano di rivitalizzazione dell’Interporto campano può essere innescato dagli investimenti di partner industriali in grado di garantirne la crescita. E i partner potrebbero essere imprenditori e operatori cinesi e sud coreani, con i quali già da tempo sono state allacciate relazioni. L’operazione dovrebbe andare in porto nell’arco di due anni, per un piano d’investimenti pari a 200 milioni di euro.

Nel prospetto dell’operazione s’inserisce la prevista progettazione dell’ampliamento del sito interportuale - da realizzare in due fasi- per circa un milione di metri quadri di superficie da attrezzare per logistica, retail o vendita al dettaglio, food; ampliamento che porterebbe a tre milioni di metri quadrati l’intera area interportuale, come dire la gran parte della Piana di Boscofangone. Un’opzione che, se attuata, è destinata a configurare un’informe e piatta lastra cementificata, che, seppure costituisca un importante fattore strutturale per la crescita e l’incremento delle funzioni dell’Interporto negli orizzonti dell’internazionalizzazione dei mercati, rappresenterà, tuttavia, un ulteriore consumo di suolo agrario con tutte le distorsioni che ne deriverebbero, non soltanto condizionando la qualità dell’ambiente e della vivibilità del territorio, ma riducendo ancora di più le produzioni agricole, che, fino a mezzo secolo fa, erano costituite dalle generose e sontuose tipicità orticole e frutticole proprie della Piana di Boscofangone. Un dato- quello dell’ulteriore “sacrificio” imposto all’ormai, residuale agricoltura praticata sul territorio, quale esiguo e ultimo “caposaldo” del food di qualità- su cui riflettere e senza nulla togliere agli obiettivi di sviluppo dell’Interporto, impegnato a misurarsi con le sfide della competitività mondializzata.

E la riflessione, come l’agire conseguente, spetta alla politica e alle istituzioni locali, dando risalto alle strategie che promuovano i valori primari della vivibilità e della tutela del territorio.


© Tutti i diritti riservati


 



NOTIZIE ED ARGOMENTI CORRELATI

 

 

Share Button

IDEA TV

CanaliWeb

Meteo Campania

Fotogallery

Cucina

I tortiglioni con melanzane grigliate e pomodori secchi
IMAGE Lavate le melanzane, privatele del calice verde e tagliatele a fette sottili. Mettetele...

Libri

''Medea ed altre poesie'' di Biancagiuliana Pepe
IMAGE "Medea ed altre poesie" è la mia prima raccolta: un miscuglio di sentimenti...

Viaggi

Verso Santiago - Epilogo del mio Cammino
IMAGE Il Cammino mi ha insegnato la sua più grande lezione quando è finito, quando ho...

Storia

31 ottobre 1517 - Le 95 tesi di Martin Lutero
IMAGE Il 31 ottobre del 1517 è la data in cui compaiono nella cittadina di Wittenberg le 95...

Cinema

Natale da Chef, il nuovo colpo di Making of Salerno
IMAGE E’ un colpo da novanta quello messo a segno da Making of Salerno, che da anni si occupa...

Week End

Palium Sancti Martini - Atmosfere medievali del 1109
IMAGE Dal quinto secolo ad oggi rivive il culto di San Martino, patrono di Monteforte Irpino,...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su "Più informazioni"